Cause di esclusione dalla donazione di sangue

INDICAZIONI UTILI ALLA DONAZIONE

  • Peso minimo: 50 Kg
  • Frequenza massima delle donazioni: 6 l’anno
  • Distanza minima: sangue-sangue 90 giorni. Alternando altri tipi di donazione al sangue intero, anche 60 giorni, a giudizio del medico.
  • Età minima: 18 anni – Età massima 67 anni
  • Il digiuno prima della donazione non è strettamente necessario, si devono però evitare

tassativamente alimenti come il latte e derivati ed i grassi animali in generale: è ammessa, ed anzi consigliata, una leggera colazione ricca in liquidi: caffè o the zuccherati, succhi di frutta, fette biscottate o biscotti secchi. Il digiuno è necessario in concomitanza con l’esecuzione degli esami periodici annuali per evitare l’inattendibilità dei risultati (es. glicemia).

  • Per evitare un possibile innalzamento delle ALT (transaminasi), si consiglia al donatore di evitare sforzi fisici intensi, un’alimentazione ricca in grassi e di astenersi dalle bevande alcoliche e terapie farmacologiche occasionali, nelle 24 ore che precedono la donazione.
  • Nelle 24 ore successive alla donazione non debbono essere svolti hobby ed attività pesanti e/o rischiose.
  • Terapia antiipertensiva compatibile con la donazione: la modalità di assunzione dei farmaci dovrà essere valutata unitamente al medico dell’associazione.
  • Si ricorda che, ai fini della donazione, gli esami di routine debbono essere ripetuti annualmente. La loro validità può eventualmente essere estesa fino a 18 mesi.
  • È necessario avvertire tempestivamente il Sevizio di Medicina Trasfusionale o la sede di prelievo qualora nei giorni successivi alla donazione si manifestassero i sintomi di una malattia, al fine di evitare rischi trasfusionali al ricevente.

 

CAUSE DI SOSPENSIONE ALLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI:

 

Stop_hand_nuvola.svg

 

 

  • Cure odontoiatriche di minore entità da parte del Medico dentista: 48 ore.
  • Intervento chirurgico in Day Hospital, procedure dentistiche, implantologia, estrazioni: sospensione da 7 a 30 gg in base al tipo di intervento e valutazione medica.
  • Intervento chirurgico in endoscopia o con ricovero: 4 mesi.
  • Endoscopie e cateteri non monouso: 4 mesi.
  • Trasfusioni di sangue o emoderivati: 4 mesi (per trasfusioni di emocomponenti effettuate nel Regno Unito, sospensione definitiva).
  • Trapianti di tessuti o cellule di origine umana: 4 mesi.
  • Interruzione di gravidanza entro il 3° mese: 6 mesi – Successiva: 1 anno
  • Interventi chirurgici di rilievo con tempi lunghi per la completa guarigione: 1 anno. Resta indispensabile la valutazione medica della patologia di base che ha causato l’evento

EVENTI POTENZIALMENTE A RISCHIO

  • Comportamenti sessuali a rischio: rapporti con più partner e quelli, protetti e non protetti, con partner non abituali, occasionali, nuovi, tossicodipendenti, sottoposti a trasfusione di sangue e/o di emoderivati: 4 mesi. L’abitudine a tali tipi di rapporti costituisce criterio di esclusione definitiva.
  • Esposizione accidentale al sangue anche attraverso strumenti o siringhe: 4 mesi.
  • Tatuaggi, piercing: 4 mesi.
  • Agopuntura: nessuna sospensione se il donatore autocertifica e controfirma che è stata eseguita da personale sanitario con aghi monouso; in alternativa sospensione di 4 mesi.
  • Puntura di zecca: 3 mesi dall’evento.

ALTRE CONDIZIONI

  • Ciclo mestruale: si consiglia di rispettare almeno 6 giorni di sospensione prima e dopo il ciclo mestruale.
  • Gravidanza: 1 anno dal parto.
  • Selezione dei viaggiatori internazionali: sospensione fino a 6 mesi in base al rischio di malaria e malattie tropicali dell’area, secondo le norme ministeriali.
  • Uso occasionale e sporadico di sostanze stupefacenti limitato ai cannabinoidi: 14 gg. L’uso abituale e irrinunciabile, anche se ad intervalli periodici, costituisce criterio di esclusione definitiva.

SOSPENSIONE PER MALATTIE INFETTIVE

  • Raffreddore: sospensione solo in fase acuta (lacrimazione, cefalea, malessere).
  • Febbre a 38 gradi e oltre: 2 settimane dalla scomparsa dei sintomi.
  • Infezioni addominali (gastroenteriti virali, batterica): 15 gg dalla cessazione dei sintomi.
  • Infezioni respiratorie e urinarie: 15 gg dalla cessazione dei sintomi.
  • Malattie esantematiche: sospensione di 14 gg dalla guarigione clinica.
  • Epatite A: 4 mesi dalla guarigione.
  • Se è malato un convivente (anche non partner sessuale):

– Epatite A: 1 mese di sospensione dalla normalizzazione delle ALT della persona malata;

– Malattie esantematiche: 1 mese;

– Epatite B: 4 mesi.

  • Febbre Chikungunya: 30 gg dalla guarigione.
  • West Nile Virus: 28 gg dalla guarigione.
  • Glomerulonefrite acuta post streptococcica: 5 anni dalla guarigione.
  • Citomegalovirus: 6 mesi dalla guarigione.
  • Malaria: sospensione per 3 anni poi è ammessa la donazione di plasma da inviare al frazionamento industriale.
  • Malattie trasmesse per via sessuale: Gonorrea: 1 anno – Uretriti non specifiche: valutazione dopo la guarigione – Herpes genitalis: 4 mesi dalla guarigione.
  • Mononucleosi: 6 mesi dalla guarigione.
  • Osteomielite: 2 anni dalla guarigione.
  • Reumatismo articolare acuto: 2 anni dalla guarigione in assenza di cardiopatia.
  • Tiroiditi infettive: 1 anno con valutazione medica.
  • Toxoplasmosi: 6 mesi dalla guarigione.
  • Virus erpetici: fino alla guarigione delle lesioni per H.simplex; 2 settimane per H. Zooster.

SOSPENSIONI PER PATOLOGIE

  • Tutti i referti istologici di interventi di chirurgia ambulatoriale o intraospedaliera devono essere valutati dal medico dell’Avis.
  • Gastroenterite: 15 gg dalla guarigione.
  • Emorroidi sanguinanti: sospensione fino a risoluzione clinica.
  • Gastrite acuta: sospensione fino a risoluzione.
  • Ulcera attiva: sospensione fino a guarigione completa.
  • Colon irritabile: sospensione fino a completa risoluzione clinica.
  • Dislipidemie (familiari/alimentari): sospensione per valori colesterolo e trigliceridi >300.
  • Asma asintomatico: sospensione durante i periodi sintomatici.
  • Manifestazioni allergiche in atto: sospensione fino a risoluzione dei sintomi.
  • Allergie a farmaci: 1 anno dall’ultima esposizione e idoneità solo per sangue intero.
  • Traumi cranici: 6 mesi con valutazione neurologica, se non vi sono sequele.
  • CIN I: sospensione per 2 anni, riammissione previo Pap test negativo.
  • Carcinoma basocellulare: 5 anni dalla guarigione.
  • Melanoma in situ: 10 anni dalla guarigione.
  • Polipi intestinali con carcinoma in situ: 2 anni previa colonscopia.
  • Pneumotorace spontaneo: sospensione di 4 mesi dalla guarigione.
  • Politrauma: 1 anno.

SOSPENSIONE PER SOSTANZE FARMACOLOGICHE

È necessaria la valutazione del medico riguardo alla patologia o all’evento che hanno causato l’assunzione di un farmaco.

  • FANS (Aspirina, Aulin, Moment) altri analgesici e antipiretici (ASA, pirazoloni, paracetamoloTachipirina): più di 5 gg.
  • Corticosteroidi sistemici: 15 gg. con valutazione medico avis.
  • Antibiotici (anche intestinali), antivirali: 15 gg.
  • Trattamento antibiotico per H. Pilori: 15 gg dal termine della terapia.
  • Antistaminici: sospensione fino a risoluzione della sintomatologia.
  • Terapia desensibilizzante: 72 ore dall’ultima iniezione.
  • Vaccini: 48 h per influuenza, papilloma virus, pertosse, colera, difterite, epatite A, febbre delle montagne rocciose, meningococco, peste, pneumococco, poliomelite (vaccino inattivo potenziato), rabbia (se con morso 1 anno), tetano, febbre tifoide e paratifoide (vaccino orale).
  • Vaccino epatite B: 28 gg
  • Vaccini: 30 gg per morbillo, parotite, poliomielite (vaccino orale), rosolia, TBC, vaiolo – febbre gialla, febbre tifoide e paratifoide (intramuscolo).
  • Immunoglubuline: 4 mesi.
  • Farmaci: Antispastici (buscopan), anticolinergici (spasmomen): 7 gg.
  • Terapia con Eparina: 15 gg dalla sospensione.
  • Antimicotici, antipsoriasici per uso topico: 15 gg.
  • Antipsoriasici: psoraleni per uso sistemico: 30 gg dalla sospensione.
  • Antipsoriasici: retinoidi per uso sistemico: 1 anno.
  • Antiacne per uso sistemico (roaccutan): 1 mese dopo il trattamento.
  • Ipertrofia prostatica benigna: Finasteride: 2 mesi. Dutasteride (avodart): 6 mesi.
  • Psicofarmaci: antidepressivi, neurolettici, litio, stabilizzanti dell’umore: 6 mesi dal termine della terapia. Riammissione previa certificazione specialistica. L’uso occasionale, sporadico ed a bassi dosaggi di ansiolitici non contr
Share This